Image Alt

La Settimana di Pandolfini

LA“FIUMANA DELL’UMANITÀ”: UN RARO STUDIO DI GIUSEPPE PELLIZZA DA VOLPEDO

“S’ode    passa la Fiumana dell’umanità genti correte ad ingrossarla. Il restarsi è delitto filosofo lascia i libri tuoi a metterti alla sua testa, la guida coi tuoi studi.
Artista con essa ti reca ad alleviarle i dolori colla bellezza che saprai presentarle operaio lascia la bottega in cui per lungo lavoro ti consumi e con essa ti reca e tu chi fai? La moglie il pargoletto teco conduci ad ingrossare la fiumana dell’Umanità assetata di giustizia – di quella giustizia conculcata fin qui e che ora miraggio lontano splende”

Con questi versi il pittore Giuseppe Pellizza da Volpedo accompagna il dipinto La Fiumana, ovvero la precedente versione di quella che è indubbiamente da annoverare tra le opere più iconiche della storia dell’arte italiana e non solo: Il Quarto Stato. E nel fiume di contadini che avanza fiero e implacabile verso lo spettatore divenendo manifesto di valori universali, ogni figura contribuisce con l’eloquenza della propria fisicità al palpitare della forza solidale e all’incisività del messaggio di cui si fa portatrice.

A testimonianza di ciò i numerosi -quanto rari sul mercato- studi eseguiti dall’artista piemontese. Ed è dunque con grande piacere che Pandolfini presenterà, nella prossima asta dedicata ad opere su carta che si terrà nel 2024, il mirabilestudio di due figure maschili. Eseguito su carta beige con la sicura sinteticità caratterizzante la mano dell’artista, il disegno ritrae due uomini in dialogo tra loro, mentre avanzano assieme alla folla in cui occupano uno spazio di primaria importanza. Si tratta infatti delle figure centrali, perfettamente incorniciate dai due uomini in primo piano assieme alla donna e al suo figlioletto. Ben individuabili in La Fiumana, i protagonisti del carboncino non furono esenti da ripensamenti e modifiche che determinarono la creazione de Il Quarto Stato, in cui l’uomo barbuto di sinistra è sostituito da un individuo più giovane e imberbe, mentre la figura di destra appare priva di gilet e con delle variazioni fisiognomiche che le conferiscono maggiore robustezza.

Ed è proprio in questa figura che l’artista-critico Severino Bellotti individua un autoritratto dello stesso Pellizza, come annotato al margine dello studio prossimamente in asta.

 

Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
50122 Firenze - Italia
Tel. +39 055 2340888/9
Fax +39 055 244343
info@pandolfini.it

Via Alessandro Manzoni, 45
20121 Milano
Tel. +39 02 655.60807
Fax +39 02 620.86699
milano@pandolfini.it
Orari di apertura:
Lun - Ven 9-13 / 14.30-18.30

Via Margutta, 54
Roma
Tel. +39 06 3201799
Orari di apertura:
Lun - Ven 9.30-13.30
Il pomeriggio su appuntamento