Image Alt

La Settimana di Pandolfini

UN RARO VASO GIREVOLE IN CLOISONNÉ

Il Cloisonné veniva considerato un simbolo unico di potere e ricchezza imperiale durante le dinastie Ming e Qing poiché il costo di produzione era elevato e veniva principalmente utilizzato come oggetto d’uso imperiale e raramente era visto tra la popolazione comune. Dopo la fine della dinastia Qing e durante il periodo della Repubblica di Cina, questa tecnica si diffuse al di fuori della corte imperiale, ma i prezzi sul mercato aumentarono notevolmente, conferendo un alto valore collezionistico e guadagnandosi la nomea di “un pezzo di Cloisonné vale come dieci pezzi in porcellane di manifattura imperiale”.

Il Cloisonné, anche conosciuto come “Jingtailan (景泰蓝)“, viene realizzato stringendo fili sottili di rame in varie forme di progettazione, attaccandoli al supporto di rame, e quindi riempiendo con diversi smalti colorati gli spazi seguendo i requisiti della progettazione. Infine, viene cotto in forno ripetutamente fino a quando lo smalto non copre l’oggetto con lo spessore desiderato, quindi viene poi levigato e dorato. Secondo il trattato “Ge Gu Yao Lun: trattato sui vasi di fornace” scritto da Cao Zhao alla fine della dinastia Yuan e all’inizio della dinastia Ming: “Le fornaci islamiche usano il rame come corpo e utilizzano erbe medicinali per bruciare in cinque colori floreali, simili all’inlay di Franconia… anche chiamate le fornaci dei paesi stranieri.” Si può riscontrare che lo smalto Cloisonné è stato introdotto in Cina dalla regione araba verso la metà del XIII secolo e raggiunge il suo apice durante il regno di Jing Tai nella dinastia Ming. Durante la dinastia Qing, la tecnica raggiunge una maggiore maturità.

Nella nostra prossima asta di Arte Orientale presenteremo un vaso dalla forma a bottiglia a cuore girevole in Cloisonné prodotto durante il periodo di Qianlong. La sua lavorazione lussuosa e complessa, rende questo oggetto un vero capolavoro. Il vaso presenta un orlo leggermente estroflesso, collo stretto e lungo, corpo di forma ovoidale su piede piano con decorazioni a forma di orecchie d’elefante ai lati del collo. Il vaso è composto da tre parti: un bordo superiore dal collo fino che si immette nel corpo ovoidale del vaso realizzato separatamente, che a sua volta poggia sulla base con piede a tromba. Il corpo del vaso così inserito può ruotare. Il collo e la base sono rivestiti con smalto Cloisonné color azzurro di cielo con motivi di loto avvolgenti, misti a motivi di fiori e frutti, bacche e foglie di banano; le spalle sono divise in sezioni dorate con motivi di nubi, simbolo di buon auspicio, e pipistrelli; la giunzione infine, è decorata con un motivo di cordoncino dorato, il corpo è rivestito di smalto giallo verde di colore tradizionale cinese “秋香色” (qiū xiāng sè).

Questo colore viene detto “dell’autunno profumato” chiamato “秋香色” (qiū xiāng sè), le cui origini sono oscure, è diventato un colore riservato all’élite durante la dinastia Qing. Nel libro “清稗类钞·服饰” (Qīng bài lèi cháo · fúshì) si registra: “Il colore dell’autunno, inizialmente indossato come abito cerimoniale dal principe ereditario all’inizio del periodo della fondazione del paese, era riservato esclusivamente all’uso della nobiltà, mentre al popolo comune era proibito indossarlo”. Il “清史舆服志” (Qīng shǐ yú fú zhì) afferma che gli imperatori indossavano “abiti di corte di colore giallo, ovvero del colore “秋香色” (qiū xiāng sè)”.

Il colore “秋香色” (qiū xiāng sè) è una tonalità che richiama il profumo degli alberi e delle erbe durante la stagione autunnale. È un colore stabile, giallo leggermente inclinato al verde, simile a un verde oliva chiaro, ma non è il solito giallo pallido, verde scuro o verde-giallo; è piuttosto un colore misterioso.

Il motivo principale del motivo del drago Kui ()tra l’ondulazione del motivo a forma di milione di parole, il drago Kui simboleggia l’autorità suprema e la potenza divina e rappresenta l’autorità e la dignità suprema, che viene indossato come abito nelle importanti cerimonie rituali, portando fortuna e longevità, la decorazione dell’intero oggetto è fine, i colori sono nobili, il layout è raffinato.

Ancora più raro è il fatto che la forma bottiglia a cuore girevole sia un tipo di vaso creato e cotto durante la dinastia Qing, con una tecnica complessa e una difficoltà di cottura elevata. Xu Zhiheng ha scritto in “Yinliu Zhai Shuo Ci” che “All’interno del vaso c’è un’altra bottiglia girevole, chiamata ‘cuore rotante’.

Palazzo Ramirez-Montalvo
Borgo degli Albizi, 26
50122 Firenze - Italia
Tel. +39 055 2340888/9
Fax +39 055 244343
info@pandolfini.it

Via Alessandro Manzoni, 45
20121 Milano
Tel. +39 02 655.60807
Fax +39 02 620.86699
milano@pandolfini.it
Orari di apertura:
Lun - Ven 9-13 / 14.30-18.30

Via Margutta, 54
Roma
Tel. +39 06 3201799
Orari di apertura:
Lun - Ven 9.30-13.30
Il pomeriggio su appuntamento